sabato 18 novembre 2017

Presentazione della mostra

Presentazione della mostra
dalle lettere alle lettere - personale di Giorgio Milani presso Biffi Arte a Piacenza.

Per la prima volta l'artista piacentino espone nella sua citta' un'ampia selezione - circa 60 opere fra quadri e sculture - di Poetari, assemblaggi di caratteri tipografici di legno e frottage a olio su tela e una selezione di Frammenti di un discorso amoroso degli anni '80. I Poetari che caratterizzano la produzione attuale di Giorgio Milani, poeta visivo oggettuale, sono frutto di un percorso che inizia a meta' degli anni Sessanta e si sviluppa per l'intero ventennio successivo nello studio del rapporto tra immagine e scrittura. "Un buon poeta“ riporta lo stesso Milani citando una frase del critico Tommaso Trini“ risale di solito all'origine delle parole e dei suoni". Con i Poetari Milani e' risalito a monte della stampa Gutenberg e ha scovato una miniera di caratteri tipografici dai quali libera vene di poesia. "Lettere e parole da toccare oltre che da vedere“ spiega il critico d'arte Luciano Caramel“ Lettere e parole non come calco, ombra di un matrice altra, ma lettere-oggetto, parole oggetto". Ed e', lo si puo' capire facilmente, un fatto veramente nuovo nella storia della scrittura visiva. "I caratteri tipografici“ aggiunge Marco Senaldi, scrittore e docente di Cinema e Arti Visive all'Universita' di Milano Bicocca“ non vengono impiegati solo per rappresentare simbolicamente l'universo della comunicazione, ma mantengono il loro aspetto di particolarissimi artefatti artigianali. In effetti, si tratta di oggetti lignei che, nel caso dei caratteri piu' antichi, erano lavorati interamente a mano, come delle vere e proprie sculture. Il loro reimpiego in senso artistico va oltre il classico ready-made, perche' non si tratta di un semplice spostamento di senso, ma anche di un recupero che guarda contemporaneamente in direzione del passato e del futuro". "Combinando le lettere, con senso e controsenso, in base al significato semiotico o alla valenza semantica, guardandone la forma, la leggerezza o la potenza grafica“ conclude Philippe Daverio,“ Milani ne fa oggetti dove la qualita' visiva attuale lascia trasparire il mistero vasto e combinatorio del mercante fenicio, del filosofo greco, del lapicida epigrafico romano, dello stampatore umanista e del grafico da manifesto dada, tutti insieme. Lentamente, inesorabilmente si inventa un nuovo linguaggio poetico, puramente traslitterato". Lo stesso giorno dell'inaugurazione verra' inoltre presentato il volume "Giorgio Milani, il libro delle lettere"(288 pp. in italiano e in inglese edito da SKIRA) a cura di Philippe Daverio che spazia su tutta la produzione dell'artista.

Tratta dal sito di Biffi Arte (www.biffiarte.it)
© Infonet srl 2015: via Roma n. 228, 29121 PIACENZA - ITALY - P.Iva: 01322740331
Tel: 0039-0523-318367 (2 lines), email: info@infonet-online.it
powered by infonet srl piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +